“Il tatuaggio giapponese. Significati, forme e motivi” è un volume illustrato a colori di Yori Moriarty, uscito nelle librerie italiane a maggio di quest’anno, grazie a L’ippocampo Edizioni.

In 240 pagine si esplora la stretta relazione tra il tatuaggio giapponese e l’oscuro mondo della yakuza, che ha contribuito a permeare questa forma di espressione artistica di un’aura di mistero.

Come tutto gli appassionati di tatuaggio ben sanno, la cultura dell’irezumi è profonda e ricca di significati, forme e motivi trasferiti dalle colorate immagini xilografiche alla pelle, per abbellire e proteggere coloro i quali scelgono di portarli. Attraverso immagini e approfondimenti, il volume rivela l’origine, il significato e i segreti che si celano dietro i maggiori motivi del tatuaggio tradizionale giapponese: animali, creature mitologiche, divinità buddiste, fiori, personaggi storici, shunga, yokai. L’opera si apre con una breve panoramica sulla storia di quest’arte nel Paese del Sol Levante, e include una galleria di disegni originali dell’autore.

L’autore: Yori Moriarty inizia la sua carriera di tatuatore nel 2005 insieme all’artista americano Jason Kundell, da subito attratto dal tatuaggio giapponese tradizionale. Nel 2007 compie il suo primo viaggio in Giappone e incontra il maestro Osakan Horitoshi Izumi che gli insegnerà tutto sulla pratica del tatuaggio nipponico. Lavorerà nel suo studio tra il 2008 e il 2011.

Il tatuaggio giapponese, L'ippocampo